Il Seminario

Il ritmo della giornata è modulato sugli impegni di studio degli alunni che come molti lavoratori dei diversi paesi della nostra Diocesisi recano ogni giorno nella Capitale, affrontando la quotidiana avventura del “pendolare”: per coloro che si preparano a essere a servizio del popolo cristiano è un’esperienza umana e formativa, non solo un’esigenza pratica! La comunità del CVD è regolata su uno stile della responsabilizzazione di ciascuno circa gli oneri della gestione delle pertinenze personali e degli ambienti della casa. I lavori domestici sono pertanto svolti dagli stessi membri della comunità. La constatazione dei mutamenti della società e della cultura, che rendono non omogenei come un tempo i percorsi che conducono giovani e meno giovani ad all’acciarsi a quello che è un cammino vocazionale, porta a una conseguente proposta di un percorso rinnovato, se non nella sostanza, certamente nella sua configurazione. Se un tempo l’età media di coloro che si avvicinavano al seminario era quella della adolescenza, oggi ci si trova sempre più davanti a cosiddette “vocazioni adulte”, per le quali anche uomini non più giovanissimi si lasciano attrarre dalla voce del Signore che li chiama con suo «Seguimi»! La chiamata al sacerdozio è sempre la stessa per tutti, ma certamente essa è vissuta in maniera diversa a seconda dell’età di colui a cui è rivolta e diverso ne sarà il relativo stile di guida da parte della Chiesa. Ciascuno si avvicina al percorso vocazionale con le proprie esperienze umane, accademiche o professionali, delle più disparate tra loro… dal che sarà necessario un cammino personalizzato che guidi il giovane adulto al libero e sincero discernimento della propria chiamata, in un contesto comunitario impostato su un ritmo che permetta un iter graduale che non richieda di interrompere immediatamente le proprie attività lavorative. La Chiesa di Civita Castellana ha accolto questa sfida dando vita al CVD in cui giovani e meno giovani possono essere accompagnati nel discernimento della propria vocazione al sacerdozio in una comunità formativa sotto la guida di un Rettore e di un Direttore Spirituale. Coloro che si affacciano al CVD per la prima volta – secondo la propria situazione precedente - possono essere seguiti mediante un accompagnamento che prevede che essi continuino a vivere la propria vita professionale senza interruzioni, frequentando il Centro nei fine-settimana. Coloro che fanno parte della comunità in forma stabile e residenziale sono guidati nella formazione presso il CVD e frequentano gli studi teologici presso le università ecclesiastiche di Roma, inserendosi al contempo nella vita della Diocesi soprattutto mediante il servizio di tirocinio pastorale presso le diverse parrocchie del territorio.

Che cosa facciamo

Il ritmo della giornata è modulato sugli impegni di studio degli alunni che – come molti lavoratori dei diversi paesi della nostra Diocesi - si recano ogni giorno nella Capitale, affrontando la quotidiana avventura del “pendolare”: per coloro che si preparano a essere a servizio del popolo cristiano è un’esperienza umana e formativa, non solo un’esigenza pratica! La comunità del CVD è regolata su uno stile della responsabilizzazione di ciascuno circa gli oneri della gestione delle pertinenze personali e degli ambienti della casa. I lavori domestici sono pertanto svolti dagli stessi membri della comunità.

Giorni feriali

Mattina:
lezioni in università
Sera - ore 18.30 - :
adorazione eucaristica comunitaria, Vespri, Celebrazione Eucaristica

Venerdì
Pomeriggio:
servizio pastorale presso le parrocchie della Diocesi

Sabato
Incontro formativo col Rettore
Incontri personali e comunitari col Direttore Spirituale
Studio personale

Domenica
Mattina - ore 7.30 - :
Lodi, Celebrazione Eucaristica ( presieduta dal Vescovo ) presso il monastero delle Clarisse:
( Chiesa S.Maria del Carmine - Via V. Ferretti, 161, 01033 Civita Castellana VT )
Pomeriggio:
studio personale, Vespri e Lectio divina comunitaria



Immagine